Mediaset, conti deludenti e flop in Borsa

mediaset

Brutte notizie per Mediaset: il mercato ha infatti penalizzato pesantemente il titolo (-9,4%) con un’ondata di vendite scaturita dalla delusione dei conti trimestrali. Pertanto, non è stato sufficiente un discreto risultato pubblicitario, a conferma della prima ripresa economica: gli stakeholders hanno giudicato negativamente il bilancio nel suo complesso, appesantendo le quotazioni del titolo a Piazza Affari.

Ma quali i numeri di un simile flop? Partiamo dalla parte alta del conto economico, dove troviamo ricavi in crescita a 2,41 miliardi di euro, a fronte – in ambito patrimoniale – di una flessione dei debiti (-60 milioni di euro). Fin qui le notizie positive. I dati negativi cominciano invece dai costi operativi – praticamente impennati rispetto agli esercizi precedenti – per finire a una gestione industriale tornata in profondo rosso (-47 milioni di euro contro un utile di 23 milioni di euro del 2014). Quanto basta per deludere profondamente gli analisti e… gli azionisti.

Per quanto concerne i primi, non sono tardate ad arrivare le tirate d’orecchio da parte di banche d’affari e broker. Qualche esempio? Le banche d’investimento Hsbc e Goldman Sachs hanno rispettivamente tagliato il giudizio a Hold (mantenere ) da Buy (comprare), abbassando nel contempo il target price a 4,90 euro da 5,30 euro. In linea il giudizio della casa di brokeraggio indipendente italiana Equita, che ha tolto il titolo dal portafoglio delle azioni «Raccomandate» e ha abbassato il giudizio a Hold da Buy. Simile atteggiamento da parte dei britannici di Barclays, che si era già espressa nei giorni precedenti, e che ha dunque mantenuto il giudizio Underweight (sottopesare), accontentandosi di limare il prezzo obiettivo a 3,9 euro da 4 euro.

Scorrendo i principali dati trimestrali, il quotidiano economico finanziario Il Sole 24 Ore ricorda inoltre come le attività in Italia hanno registrato ricavi pubblicitari lordi pari a 1,36 miliardi di euro, in linea con il risultato dello stesso periodo dell’anno precedente. Nel solo terzo trimestre la raccolta pubblicitaria netta è stata pari a 300 milioni di euro, il 3% in più del risultato di un anno prima. Una buona notizia che però va ad essere più che controbilanciata dalla chiusura del periodo con una perdita operativa non certo irrilevante.

Insomma, Mediaset ha deluso le aspettative dei mercati, e i mercati hanno reagito come ci si attendeva: male. Rimane ora da accelerare lo sviluppo del quarto trimestre, al fine di non pregiudicare un esercizio 2014 che potrebbe comunque chiudersi ancora con sufficiente soddisfazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *