Coliche nei neonati tutto quello che i genitori devono sapere

I neo genitori spesso si allarmano al primo pianto del loro piccolo, e questo è comprensibile, infatti, la preoccupazione è spesso dovuta6 all’inesperienza, soprattutto quando si tratta del primo figlio. A parte il pianto fisiologico che fa parte proprio del neonato e che quindi va considerato normale (in questo caso non si può far altro che cercare di calmarlo con il seno, il latte o con una ninna nanna), altre volte il problema è dovuto alle coliche.

Coliche nei neonati

Ma quando si può associare il pianto alle coliche, ed a che cosa sono dovute? Si può parlare di colica quando il pianto si manifesta per più di tre ore, per più di tre giorni alla settimana e per più di tre settimane. Accanto a ciò, esso è di solito associato ad un pianto particolare, diverso dagli altri. Si tratta di un pianto più doloroso, improvviso. Il neonato spesso è pallido ed il pianto si fa sempre più forte ed intenso. Il piccolo stringe le gambe verso la pancia, e a volte emette flati che lo calmano temporaneamente.

Per i bambini che assumono latte artificiale, questo di solito si manifesta la sera, mentre i bambini allattati con latte materno manifestano questo problema nell’arco di tutta la giornata. Le cause possono essere diverse. L’assunzione di aria tramite il biberon o il latte materno rientrano tra queste. Oppure un’intolleranza al latte. Ancora, può dipendere da altri problemi, quali il meteorismo. In questo caso anche da adulto, soffrirà di questo tipo di problemi.

Di solito comunque, dopo i primi tre mesi di vita, le coliche dovrebbero sparire naturalmente o comunque ridursi di molto.

Ma cosa possono fare i genitori per ridurre i dolori del loro piccolo bambino? Prima di tutto, non farsi prendere dal panico, perché non è nulla di grave e quanto più i genitori sono ansiosi, più lo sarà anche il neonato. Sono varie le strategie che si possono adottare. Innanzitutto esistono della valide gocce contro il meteorismo che hanno effetto terapeutico, quindi riducono il problema se assunte per qualche giorno. Esse calmano subito il dolore e tranquillizzano bambino e genitori.

Trovare poi una posizione nella quale il neonato sia comodo e non avverta troppo forti i dolori. Consigliamo sperimentarne varie, perché ognuno ha la sua. C’è chi si sente a proprio agio a pancia in giù con le gambe piegate, oppure a pancia in su, sempre con le gambe piegate sulla pancia, altri di lato. Tutte queste posizioni favoriscono l’eliminazione naturale del gas.

Questi piccoli consigli faranno sì che possiate vivere più serenamente le colichette che caratterizzano i primi mesi di vita del vostro bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *