Car sharing, nuovo servizio nell’area di Milano

Continuano ad espandersi le opportunità del car sharing milanese. Ultimo arrivato, in ordine di tempo, è Share’ngo, un car sharing elettrico a flusso libero di ultima generazione, in operatività dal prossimo 15 giugno, e in grado di poter vantare alcune interessanti caratteristiche che potrebbero renderlo uno dei servizi preferiti da parte di tutti gli utenti milanesi. Ai quali, d’altronde, non sarà nemmeno richiesto di ricaricare le batterie delle auto elettriche, e non sarà neppure domandata la necessità di riporre le auto in specifiche zone.

In aggiunta a quanto appena premesso, si tenga altresì conto che il servizio non propone una tariffa fissa, bensì un costo che è personalizzato a seconda del target di clientela. Dunque, sono previste delle tariffe agevolate per gli anziani, per gli studenti, per le donne, per chi abita in periferia e per chi abita lontano dalle fermate metropolitane. Per le donne, inoltre, è prevista un’offerta straordinaria: la possibilità di condurre gratuitamente l’auto elettrica Share’ngo dall’una di notte alle sei del mattino.

“Con l’arrivo delle Equomobili Milano raggiunge un nuovo primato europeo in tema di mobilità condivisa” – ha affermato l’assessore alla Mobilità e Ambiente, Pierfrancesco Maran – “Per la prima volta infatti i mezzi elettrici offrono un car sharing one way puro, non prevedendo più l’obbligo di essere riportati alle colonnine di ricarica”.

Al di là di quanto precede, le modalità di iscrizione risultano essere simili a quelle già richieste per l’accesso ad altri servizi di car sharing cittadino già attivi a Milano. L’utente interessato dovrà quindi inserire sul portale i dati relativi alla propria persona, alle sue scelte e al suo stile di vita. Di conseguenza, il sistema proporrà per lui la migliore tariffa, e informerà l’utente se rientra nelle categorie “premiate” (mamme, pendolari, studenti fuori sede, persone che vincono lontano dalle fermate di treno e metro, e così via).

Segnaliamo infine che Share’ngo offre una serie di tariffe agevolate anche nei confronti di coloro i quali svolgono un lavoro di pubblica utilità, ai nonni che fanno welfare occupandosi dei nipoti, oppure per chi avrà dei comportamenti virtuosi come, ad esempio, la demolizione o la vendita della propria auto.

Non ci resta dunque che attendere il 15 giugno, giorno a partire dal quale il servizio entrerà pienamente in operatività. In un secondo momento lo stesso servizio sarà esteso in altre zone italiane (Firenze, Pisa, Modena) e, ulteriormente, in altre città europee di medio – grandi dimensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *